venerdì 14 febbraio 2020

La scelta (ragionevole)

Ti porto con me qualsiasi cosa faccio, in qualsiasi posto vado
da anni, anni che mi sembrano fare una vita.

Quando discutiamo, o peggio litighiamo, io non solo non ti sento più vicina
mi sembra che tu non esista più
che non esista più io per te
mi procura un senso di vuoto che non so descrivere.

Ogni istante passato senza la tua “esistenza” è per me un dolore
la somma dei singoli istanti un’agonia.

La vita è, sarà, molto breve
non lo so se in termini percepiti o assoluti, non è importante
ed io non voglio ci siano istanti senza di te in questo lasso fugace.

Un mondo saturo delle tue mani
è questa la mia scelta.

Ragionevole

Nessun commento:

Posta un commento

Bug esistenziale

Inchiodato a un letto di ospedale con i ferri nelle ossa le ferite che non davano tregua che inzuppavano di sangue le lenzuola ero sorri...